Home RELIGIONE Commento al Vangelo Seguitemi, vi farò diventare pescatori di uomini

Seguitemi, vi farò diventare pescatori di uomini

0
394

III DOMENICA DEL T. O. anno b

MC 1, 14-20
Dopo che Giovanni fu arrestato, Gesù si recò nella Galilea predicando il vangelo di Dio e diceva:  «Il tempo è compiuto e il regno di Dio è vicino; convertitevi e credete al vangelo».
Passando lungo il mare della Galilea, vide Simone e Andrea, fratello di Simone, mentre gettavano le reti in mare; erano infatti pescatori. Gesù disse loro: «Seguitemi, vi farò diventare pescatori di uomini». E subito, lasciate le reti, lo seguirono. Andando un poco oltre, vide sulla barca anche Giacomo di Zebedèo e Giovanni suo fratello mentre riassettavano le reti. Li chiamò. Ed essi, lasciato il loro padre Zebedèo sulla barca con i garzoni, lo seguirono.

Al tempio, Gesù preferisce il tempo… Ai sacrifici degli animali, Dio predilige quelli del sudore e della fatica dell’uomo… Agli eventi straordinari e miracolistici, il Signore sceglie la vita quotidiana per incontrare l’uomo. Non c’è niente di profano nella quotidiana ed armoniosa fatica: Dio la abita ed in essa Dio chiama e ci rivolge il suo invito a seguirlo. Diceva Teilhard de Chardin: “Dio si trova in qualche modo sulla punta della mia penna, del mio piccone, del mio pennello, del mio ago, del mio cuore, del mio pensiero”. E ci fa “pescatori di uomini” quindi non di santi, non di perfetti, non di impeccabili… Di uomini cioè di umanità, cercatori di tutto ciò che di più umano, bello, grande, luminoso ogni figlio di Dio porta nel cuore.
Gesù passando mette in moto le vite, le abilita a solcare non i laghi ma gli oceani infiniti dei cuori umani. Sapevano a memoria le rotte del lago: Gesù gli vuole consegnare le rotte del mondo. Invece del piccolo cabotaggio dietro ai pesci, offre un’avventura dentro il cuore di Dio e dei suoi figli.
La bella notizia che inizia a correre per la Galilea è che il regno di Dio (il mondo come Dio lo sogna) è vicino. Perché Dio si è avvicinato, ci ha raggiunto, lì, dove siamo oggi, in questo istante, così come siamo: è qui! Gesù ne è il volto e lo stile: libera, guarisce, purifica, perdona, toglie barriere, ridona pienezza di relazione a tutti, anche a quelli marchiati dall’esclusione. Un Dio esperto in nascite, un Dio votato da sempre e per sempre alla vita.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here